Abatjour, Mon amour - la Matita bianca
  • Abatjour, Mon amour

    Ovvero un abatjour è per sempre.

    Difficilmente si torna indietro e si sostituisce una abat-jour con una lampada a sospensione.
    Il termine letteralmente significa “abbatti luce”: si crea un’atmosfera di luce smorzata e diffusa,  eventualmente soffusa.

    Sia che preferiate una lampadina dall’intensità più forte o più soft, il risultato finale sarà comunque molto elegante.

    LaLuce-melampo-notte-alu-02-abatjour

    La semplicità di questo tipo di lampada racchiude in sé una grande varietà di combinazioni che la dicono lunga sul vostro gusto personale.

    abatjour kartell design interiors interni lamp lampada
    A seconda dello stile del vostro arredamento e del gusto ci si può sbizzarrire: stelo e cappello nelle più svariate forme, tipologie e materiali.

    Il segreto dell’abatjour perfetta è:

    • il buon abbinamento tra il corpo della lampada e il cappello
    • la loro giusta proporzione, a seconda che si tratti di una abat-jour da tavolo o di una piantana da terra.

    L’occhio vi porterà il giusto consiglio nella creazione della vostra abatjour.

    Personalmente prediligo l’abatjour con lo stelo in legno e  il cappello di varie forme, liscio o plissettato.

    Faccio però un’eccezione per la mia lampada di design italiano preferita, la abat-jour per definizione, Atollo di Vico Magistretti, realizzata in vetro di Murano opalino, commercializzata da Oluce.

    atollo vico magistretti lampade abatjour

     

    Comunque la vorrete comporre, la lampada tipo abat jour permette di ottenere un risultato elegante, contemporaneo e molto chic.

    E voi, di che abat jour siete?

    Salva

    Salva

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *